Perth, la capitale più remota del mondo

Bookmark and Share

Marzo 2010

Non appena arrivai a Perth, sperimentando sin da subito le sue meravigliose condizioni climatiche, le magnifiche spiagge e la piacevole atmosfera di luogo rilassato, mi chiesi: ma dove sono finiti tutti? Perth è la capitale più remota del mondo, e anche per questo in città non troverete i ritmi frenetici che caratterizzano le altre metropoli e sicuramente non sentirete mai la gente del posto lamentarsi del proprio stile di vita. Anche se in passato era considerata una città piuttosto tetra, successivamente, in seguito a un periodo di boom economico legato alla scoperta dell’oro nella regione, Perth è rifiorita proprio come i fiori selvatici del Western Australia; oggi è una metropoli sofisticata e cosmopolita, con una miriade di bar, ristoranti e attività culturali. La parte migliore della vita cittadina è però quella collegata al relax: i parchi e le spiagge incontaminate di Perth consentono ai suoi abitanti di godere pienamente di tutto ciò che la città ha da offrire, soprattutto se si tratta di rilassarsi, prendere il sole o praticare sport acquatici.

Vi premetto che quasi tutti i siti di interesse turistico sono facilmente raggiungibili dal centro, a partire dal Cultural Centre, un centro culturale che ospita un museo, una galleria d’arte, una biblioteca e il Perth Institute of Contemporary Arts. Di particolare interesse è il Western Australian Museum, il quale offre un’interessante mostra che approfondisce la storia degli aborigeni; inoltre potrete ammirare una galleria con modelli di dinosauri in gesso, una collezione di meteoriti e altre gallerie che ospitano collezioni dedicate a mammiferi, farfalle e uccelli.

Non potrete far altro che rimanere sbalorditi visitando l’Aquarium of Western Australia, un magnifico acquario in cui potrete attraversare una galleria di 98 m sott’acqua mentre gigantesche tartarughe, pesci e perfino squali scivolano attorno e sopra di voi; avrete inoltre la possibilità di osservare le foche che giocano in un’apposita area dotata di vetrine…uno spettacolo estremamente divertente che vi consiglio di non perdere!

Dopo la visita all’acquario, mi diressi verso il Kings Park and Botanic Garden, che sorge al centro di 4 kmq di bush allo stato naturale. Pensate che il giardino vanta oltre 2000 specie botaniche tipiche del Western Australia, molte delle quali in piena fioritura durante il Perth Wildflower Festival che si tiene ogni anno nel mese di settembre. All’interno del parco vi segnalo il sentiero Lotterwest Federation Walkway, progettato da un architetto: si tratta di un’ampia struttura in vetro e acciaio lunga ben 222 metri, che consente ai visitatori di passeggiare “sospesi” fra le cime degli alberi; avendolo sperimentato di persona, posso assicurarvi che fa davvero uno strano effetto…provare per credere!

Durante il mio soggiorno a Perth, ebbi l’occasione di fare diverse piacevoli escursioni fuori città, come quella ai vigneti della Swan Valley, dove tra l’altro visitai una delle tante aziende vinicole aperte al pubblico per la degustazione e la vendita degli ottimi vini locali. Un’altra tappa di cui ho ancora oggi un bellissimo ricordo è quella a Lake Monger, presso Wembley, a nord-ovest del centro cittadino, in cui vivono rarissimi esemplari di cigni neri, simbolo di Perth: dire che sono stupendi è dir poco e di certo non capita tutti i giorni di avere un incontro ravvicinato con uno di questi magnifici ed eleganti pennuti.

L'ultima serata trascorsa a Perth la dedicai al divertimento e soprattutto ai piaceri della buona tavola in uno dei numerosissimi caffè che affollano il celebre quartiere di Northbridge, il Tarts, tipico locale in stile country che serve abbondanti porzioni di torte guarnite con frutti di bosco, mele o crema al limone, per non parlare delle squisite tortine alla crema con fragole glassate…un’autentica delizia per il palato. Vi ho fatto venire l’acquolina in bocca, eh?! Allora, che aspettate…pronti, partenza e via…destinazione Perth!