Le meraviglie della Coral Coast

Bookmark and Share

Marzo 2010

Dopo aver percorso la lunga e spettacolare costa centro-occidentale del Western Australia, mi diressi verso la tranquilla Coral Coast, la quale prende il nome dai fondali corallini policromi che costituiscono la meravigliosa Ningaloo Reef. Di sicuro non potrete annoiarvi in un posto così, in grado di offrire al visitatore una miriade di possibilità: se non vi basta fare snorkelling e immersioni su acque favolose, la Coral Coast è uno dei pochi luoghi del pianeta dove potrete nuotare con il pesce più grande del mondo, il solitario e maculato squalo balena, e anche osservare balene, mante, tartarughe e rari dugonghi. Se non ne avete ancora abbastanza, ci sono onde eccezionali per il surf, acque calme in cui nuotare, belle spiagge su cui inpigrirsi e delizioso pesce fresco da gustare.

Iniziai l’esplorazione della costa a partire da Coral Bay, una minuscola comunità di mare annidata su una bella baia. La cittadina è costituita da una strada che conduce alla spiaggia di sabbia bianca dove si può nuotare e fare snorkelling sulla barriera corallina immediatamente al largo della costa; questo è un ottimo punto di partenza per le uscite in mare e per una serie di attività quali pesca, immersioni, whale-watching e nuoto in compagnia di (innocui) squali balena. Lasciata Coral Bay, raggiunsi la soleggiata Exmouth che, con i suoi deliziosi gamberetti (e la connessa fiorente industria di lavorazione dei gamberi), è un’animata base turistica per quanti desiderano visitare il Ningaloo Marine Park e il Cape Range National Park. Avendoli visti entrambi, posso assicurarvi che si tratta di due parchi semplicemente meravigliosi: la barriera corallina di Ningaloo è comodamente accessibile e costituisce il punto di rifugio di una fauna marina estremamente varia. Qui vivono squali, mante, megattere, tartarughe, dugonghi e circa 500 diverse specie di pesci. Tuttavia, l’elemento che rende davvero speciale il Ningaloo Marine Park è il suo corallo: pensate che in queste acque ne sono state censite oltre 200 specie, dalle varietà tondeggianti a quelle dalle delicate ramificazioni. Altrettanto spettacolare è il Cape Range National Park, che racchiude una grande abbondanza di animali selvatici quali canguri, emù, echidna e lucertole che, tra l’altro, potrete avvistare con facilità durante una semplice camminata o un giro in auto attraverso il parco. Fantastici canyon e aspre gole di rossa pietra calcarea attraversano il massiccio, che si riflette nelle profonde acque blu quando sono calme. Le gole si addolciscono gradatamente e lasciano il posto alla sabbia bianca, la quale conduce alle acque cristalline della Ningaloo Reef.

Lasciato questo magnifico paradiso naturale, mi addentrai nell’aspro paesaggio rosso del Pilbara, una vasta regione di arida terra arsa dal sole, con un cuore pieno di minerali ferrosi, che si pone in netto contrasto con il lussureggiante panorama della Coral Coast. Dapprima approdai a Dampier, il principale porto della regione, che domina un vasto arcipelago formato da ben 42 isole coralline, dopodichè giunsi a Port Hedland, un’industriosa cittadina dai bassi edifici in lamiera corrugata e ormai incrostata di un colore rosso scuro. Attraverso il suo imponente porto passano i minerali ferrosi estratti a Newman e poi largamente esportati; le collinette di minerale estratto caratterizzano lo skyline della cittadina e sono la causa dello strato fittissimo di polvere che la ricopre. Se vi recate qui tra novembre e marzo, potrete assistere alla nidificazione delle tartarughe su alcune spiagge nei pressi; ricordate però di mantenere il corretto codice di comportamento per non disturbarle. Vi segnalo inoltre Pretty Pool, 7 km a est del centro città, che rappresenta un luogo piacevole in cui pescare e fare picnic. Infine, dal Marapikurrinya Park potrete osservare grandi navi cisterna che scivolano dentro e fuori dal porto durante il giorno, e di notte vedere la fonderia per la produzione di lingotti di ferro della BHP Billiton illuminarsi come un castello fatato: una visione decisamente spettacolare, ve lo assicuro!

E con Port Hedland si concluse la mia permanenza nella regione di Pilbara, in attesa di proseguire il mio viaggio alla scoperta del Kimberley, un’altra bellissima terra del Western Australia